• 3775181146
  • bologna@retinitepigmentosa.it

Miopia

Miopia

La miopia è un difetto della vista espressione di un occhio di dimensioni più grandi; Nella miopia l’occhio è più lungo del normale per cui i raggi luminosi vengono messi a fuoco (cioè convergono) in un punto davanti alla retina, in pratica l’immagine di ciò che fissiamo si forma su un piano davanti alla retina e perciò non è a fuoco.  Le immagini più lontane appaiono di conseguenza sfocate, mentre quelle vicine sono nitide. Tale difetto si corregge anteponendo all’occhio una lente (occhiale o lenti a contatto) che faccia cadere l’immagine sulla retina. In età adulta, con difetto stabilizzato da almeno 12 mesi, può prendersi in considerazione l’intervento laser o impianto di lenti intraoculari. Esistono diverse tipologie di miopie: miopia neonatale, congenita, prescolare o scolare, tipica dell’età di sviluppo. La miopia può essere ereditaria, ma  se di lieve entità può insorgere anche senza familiarità. Durante la pubertà e fino ai 22 anni  progredisce, se  si tratta di una miopia molto elevata e più instabile e  aumenta tra l’altro il rischio di distacco di retina.

 

 

L’uso di videoterminali, videogiochi, cellulari, play station potrebbe far aumentare la miopia?

Ebbene sì soprattutto in età puberale ma esistono anche in età adulta e si parla di miopia accomodativa.

Il consiglio è di non passare molto tempo su videoterminali o su sistemi applicativi per vicino o media distanza senza qualche pausa che dovrebbe essere di 10-15 minuti ogni ora di applicazione.

 

Oggi si parla di posturologia, quanto incide la miopia?

Mantenere posture corrette dell’asse collo-testa-occhi è importante: utilizzando sedie regolabili in base all’altezza del piano di lavoro ergonomicamente confortevoli con  possibili anche piani di appoggio regolabili. Importante anche l’illuminazione in quanto un buon contrasto ambientale non deve abbagliare  né deve essere troppo bassa per non creare fenomeni aberrometrici ed evoluzione  quindi della miopia.

In età pediatrica ed adolescenziale con miopie medio-elevate (oltre le 4-5 diottrie) con evoluzione

ingravescente si può prendere in esame, in casi selezionati, le lenti a contatto per un numero limitato di ore soprattutto in ambiente scolastico e/o sportivo con un uso di massimo 5 ore giornaliere.

 

Quanto può incidere l’alimentazione nel soggetto miope?

L’alimentazione deve essere varia ed equilibrata. Bisogna ridurre liquori, vino, cioccolato e derivati, salumi, formaggi, carni grasse, salse varie, olio di arachidi  di mais e di girasole, fritti, frutta secca bevande  frizzanti, fumo. Invece consiglio frutta e verdure in grande quantità, pesce azzurro, carni magre, olio di oliva,  liquidi (acqua, te, tisane) soprattutto ai portatori di lenti a contatto.

E’ consigliabile l’uso di diversi integratori come: estratti di carote, mirtillo, luteina, ginkgo biloba, ginseng,  menta, salvia, liquerizia.

Che attività si può consigliare?

Quando è possibile attività all’aria aperta, gli  sport in genere, tali però, soprattutto nelle miopie elevate, non traumatiche o violente che presuppongono forti contraccolpi tipo: tuffi dal trampolino, motocross, boxe, arti marziali pesistica etc. Non dobbiamo dimenticarci che i miopi hanno una retina molto assottigliata ed il rischio di distacco retinico è sempre in agguato.

 

Quale prevenzione?

E’ sempre utile, soprattutto in età pediatrica, eseguire una visita oculistica con uno studio della motilità oculare o cosiddetta  visita ortottica . Personalmente associo anche una valutazione posturale e consiglio una  visita  dentistica per valutare l’assetto colonna-appoggio plantare-articolazione temporo-mandibolare.

E’ ovvio che il controllo deve essere almeno effettuato una volta l’anno  anche in assenza  di disturbi, perché, come ho già accennato prima, lo studio della retina nel miope è fondamentale in quanto statisticamente  a rischio di  distacco di retina.

admin

2 pensieri su “Miopia

MARCO MAVILLAPubblicato in data4:57 pm - Set 29, 2018

BUONA SERA SONO MARCO E SONO AFFETTO DA RETINITE PIGMENTOSA VOLEVO CHIEDERE SE FACENDO SPORT NEL MIO CASO CICLISMO AD UN LIVELLO DI ALLENAMENTO DI 3 ORE AL GG PER CIRCA 4 VOLTE A SETTIMANA PENSATE CHE POSSA INCIDERE NEGATIVAMENTE AL MIO DECORSO DELLA MALATTIA O NO?grazie mille

    adminPubblicato in data11:49 am - Ott 1, 2018

    Gentilissimo, dipende dal percorso in cui è la malattia, dalla sua età, inoltre è da valutare una situazione generale.​
    Se mi telefona al cell.3775181146 posso indicarle il percorso medico da fare, per essere poi certo di non incorrere in problemi per la sua salute e potere fare lo sport che le piace senza problemi.
    Cordiali saluti
    Loretta Caselli
    Segretaria Associazione Retinite Pigmentosa
    e Malattie Rare in Ipovisione

Invia il messaggio